Skip to main content

Indietro alla lista complete delle news

"TAP contribuirà a decarbonizzare l'Italia": intervista a Luca Schieppati sul Corriere della Sera

19 dicembre 2017

"Il progetto del gasdotto non può essere più modificato: la soluzione individuata è la migliore possibile in termini di impatto ambientale. Ripartire con l’iter autorizzativo significherebbe tornare indietro di oltre quattro anni e sarebbe comunque inutile perché non esistono approdi migliori": Luca Schieppati, managing director di Tap, la multinazionale che sta realizzando l’opera lunga 900 chilometri per portare il gas azero in Italia, gela così le attese di chi vorrebbe spostare il punto di approdo dalla marina di San Foca, in provincia di Lecce, nel brindisino. Sulla questione era tornato ieri Michele Emiliano, governatore della Puglia, auspicando in un’intervista al Corriere della Sera un ripensamento, perché "siamo favorevoli al gasdotto" ma "forse ci può essere consentito di non far arrivare in uno dei parchi naturali più belli della Puglia e sulla più bella spiaggia dell’Adriatico". Cambiare rotta però - almeno secondo il manager di Tap - non è più possibile perché "la scelta del sito è stata effettuata dopo un’analisi approfondita di molte ipotesi progettuali, sono state valutate 11 alternative e San Foca si è rivelata la soluzione migliore e a minore impatto, come confermato dal ministero dell’Ambiente, al termine di un percorso autorizzativo avviato nel 2013".

Perché è stato scartato il sito alternativo di cui parla Michele Emiliano?
"Realizzare l’approdo nel brindisino richiederebbe uno sbancamento maggiore sia a terra, sia in mare, sarebbero necessari interventi in aree protette, a danno dell’ambiente. Anche le altre alternative valutate presentavano problemi dello stesso tipo. Il sito individuato permette invece di preservare per esempio le colonie di poseidonia oceanica, specie protetta molto diffusa lungo la costa pugliese dell’Adriatico".

La marina di San Foca è però metà di turisti da tutto il mondo.
"L’impatto sull’area sarà minimo. La soluzione individuata prevede la realizzazione di un pozzo a circa 700 metri dal mare, dal quale partirà un microtunnel del diametro esterno di 3 metri che passando 16 metri sotto la spiaggia uscirà in mare a circa 800 metri dalla riva a una profondità di 25 metri. Da qui la tubazione contenuta nel microtunnel si collegherà al gasdotto sottomarino proveniente da Albania, Grecia e Turchia".

Che cosa vedranno i turisti dalla spiaggia?
"Assolutamente nulla, perché tutte le opere sono interrate o comunque sul fondo del mare. I lavori peraltro saranno sospesi da metà luglio ad agosto, durante la fase più importante della stagione turistica".

Fra le altre problematiche sollevate da chi vorrebbe cambiare il progetto c’è la questione delle opere a terra che richiederanno l’espianto di migliaia di ulivi...
"Le opere a terra saranno realizzate con le migliori e più moderne soluzioni a disposizione per non danneggiare l’ambiente. Il terminale del gas verrà costruito in un’area di 12 ettari ma l’impianto e gli edifici occuperanno meno di 3500 metri quadrati. Non ci saranno stoccaggio né lavorazioni sul gas, ma solo attività di dispacciamento e misurazione, senza alcun rischio per il territorio. Per il resto il progetto prevede la posa di una tubazione fino alla rete di trasporto del gas già esistente, ma si tratta di opere interrate in trincee appositamente scavate e poi ricoperte. Come già successo per infrastrutture legate all’acquedotto, è previsto lo spostamento di ulivi e il successivo reimpianto, ma avverrà nel rispetto dell’ambiente e al termine dei lavori tutto sarà ripristinato come prima, con grandi vantaggi per tutti. Il gasdotto è un’opera come se ne realizzano tante in tutta Europa e nei paesi più moderni".

Quali sono i vantaggi per il territorio?
"Il gasdotto è un’opera importante per il paese perché consentirà il trasporto di 10 miliardi di metri cubi di gas all’anno, cioè il fabbisogno di circa 7 milioni di famiglie. Il gasdotto contribuirà a decarbonizzare l’Italia. Come Tap siamo anche impegnati per realizzare investimenti sul territorio per accompagnare l’opera con forme di sostegno allo sviluppo sostenibile".