Skip to main content

Indietro alla lista complete delle news

TAR Lazio: lavori sospesi per 10 giorni, ma il progetto è definitivamente approvato

06 aprile 2017

Condividiamo il decreto del TAR con cui, nelle more dell’udienza collegiale sulle richieste cautelari fissata per il prossimo 19 aprile, è stata disposta la sospensione delle attività di espianto degli ulivi.

Facciamo notare nel testo del decreto:

-  L’affermazione che le modalità di realizzazione del gasdotto TAP “debbono ritenersi definitivamente approvate”;

-  Il richiamo alla “leale collaborazione tra le autorità amministrative” nonché alle “scadenze stagionali da rispettare” per le attività di espianto;

-  Il rimando al Ministero dell'Ambiente per il riesame dell’atto impugnato sia per quanto riguarda le competenze della Regione sulla A44 sia per la Verifica di assoggettabilità a VIA del progetto esecutivo del microtunnel: si tratta come ben sapete di punti sui quali il ministero si è espresso più e più volte.

Naturalmente TAP, in attesa dell’udienza in camera di consiglio del prossimo 19 aprile, si atterrà rispettosamente a quanto disposto dal decreto. Provvederemo altresì a segnalare a tutte le autorità l’effettivo attuale stato dei 211 alberi dell’area di cantiere del microtunnel. 

Al momento risultano espiantati e trasportati altrove 168 ulivi (157 sono già stati trasportati nell’area di stoccaggio di Masseria del Capitano, 11 sono provvisoriamente sistemati presso il deposito della società AlmaRoma). Tutti i restanti alberi sono bloccati nell’area di cantiere e necessitano urgententemente di cure; una attività che ci è attualmente impedita dal gruppo più violento di oppositori accampato di fronte al cantiere (che questa notte ha devastato l’area producendo danni gravissimi al patrimonio paesaggistico e storico). 

Paradossalmente costoro ostacolano un’attività che si muove proprio nella direzione della tutela degli alberi che si assume di voler proteggere.

Tar Lazio, decreto n. 1753-2017