Skip to main content

Chi sarà interessato dal processo di acquisizione e asservimento dei terreni di TAP?

L’aggiornamento catastale permetterà di individuare precisamente i proprietari terrieri e i conducenti coinvolti dal progetto.

TAP necessiterà di accedere alla pista di lavoro del gasdotto larga circa 52 metri in Grecia e Albania, e tra i 22 e i 26 metri in Italia.

Il progetto interesserà in totale 22.500 particelle di terreno: 10.500 in Grecia, 11.800 in Albania e 200 in Italia. I lavori di costruzione interesseranno 45.000 proprietari terrieri.

Il progetto TAP interesserà, presumibilmente, ogni appezzamento che rientri nel tracciato o nell’area individuata da TAP per la realizzazione di strutture e manufatti fuori terra permanenti e temporanee (stazioni di compressione, valvole di intercettazione, alloggi per gli operai, ecc.

Nel quadro delle fasi iniziali del processo di Acquisizione e Asservimento dei Terreni, le imprese affidatarie aggiorneranno i dati originari relativi alla titolarità e alla destinazione d’uso di tutte le particelle interessate dal progetto.  I registri che definiscono i possessi delle persone fisiche e giuridiche vanno sotto il nome di ‘catasti’. Il processo punta a definire una ‘mappa catastale’, ovvero una rappresentazione cartografica completa, basata sulle informazioni fornite dai rilievi e dall’esame della documentazione conservata presso i catasti dei terreni.

Durante tali fasi, TAP acquisirà informazioni tali da rispondere compiutamente​ alle seguenti domande:

  • Quali particelle di terreno sono interessate dal progetto TAP?
  • Dove sono ubicate?
  • Chi possiede e utilizza un dato suolo?

L’aggiornamento catastale è attualmente in corso in Grecia e Albania e se ne prevede l’avvio in Italia prossimamente.

Per sapere di più sulle operazioni catastali di ciascun Paese, si invita a consultarne la relativa pagina.

 

Chi sarà interessato dal processo di acquisizione e asservimento dei terreni di TAP in Italia?

L’aggiornamento catastale in Italia intende dare una risposta ai seguenti quesiti:

  • Quali particelle di terreno sono interessate dal progetto  TAP?
  • Dove sono ubicate?
  • Chi possiede e utilizza un dato suolo?

In Italia, il progetto TAP interesserà i titolari delle particelle di terreno che ricadano nel tracciato del gasdotto, lungo gli 8,2 kilometri a terra, e l’area prevista per il Terminale di Ricezione. I proprietari delle particelle di terreno che ricadono nella fascia di larghezza di 26 metri, ridotti a 22 metri ove possibile, sarà interessata dal processo di acquisizione, asservimento e utilizzo temporaneo durante la fase di costruzione.  

Il processo di acquisizione e asservimento dei terreni e le concomitanti operazioni catastali non sono ancora iniziate. Pubblicheremo nuove informazioni su questa pagina non appena saranno disponibili.