Skip to main content

Chi sarà interessato dal processo di acquisizione e asservimento dei terreni di TAP?

L’aggiornamento catastale permetterà di individuare precisamente i proprietari terrieri e i conducenti coinvolti dal progetto.

TAP necessiterà di accedere alla pista di lavoro del gasdotto larga circa 52 metri in Grecia e Albania, e tra i 22 e i 26 metri in Italia.

Il progetto interesserà in totale 22.500 particelle di terreno: 10.500 in Grecia, 11.800 in Albania e 200 in Italia. I lavori di costruzione interesseranno 45.000 proprietari terrieri.

Il progetto TAP interesserà, presumibilmente, ogni appezzamento che rientri nel tracciato o nell’area individuata da TAP per la realizzazione di strutture e manufatti fuori terra permanenti e temporanee (stazioni di compressione, valvole di intercettazione, alloggi per gli operai, ecc.

Nel quadro delle fasi iniziali del processo di Acquisizione e Asservimento dei Terreni, le imprese affidatarie aggiorneranno i dati originari relativi alla titolarità e alla destinazione d’uso di tutte le particelle interessate dal progetto.  I registri che definiscono i possessi delle persone fisiche e giuridiche vanno sotto il nome di ‘catasti’. Il processo punta a definire una ‘mappa catastale’, ovvero una rappresentazione cartografica completa, basata sulle informazioni fornite dai rilievi e dall’esame della documentazione conservata presso i catasti dei terreni.

Durante tali fasi, TAP acquisirà informazioni tali da rispondere compiutamente​ alle seguenti domande:

  • Quali particelle di terreno sono interessate dal progetto TAP?
  • Dove sono ubicate?
  • Chi possiede e utilizza un dato suolo?

L’aggiornamento catastale è attualmente in corso in Grecia e Albania e se ne prevede l’avvio in Italia prossimamente.

Per sapere di più sulle operazioni catastali di ciascun Paese, si invita a consultarne la relativa pagina.

 

Chi sarà interessato dal processo di acquisizione e asservimento dei terreni di TAP in Grecia?

L’aggiornamento catastale in Grecia intende dare una risposta ai seguenti quesiti:

  • Quali particelle di terreno sono interessate da TAP?
  • Dove sono ubicate?
  • Chi possiede e utilizza un dato suolo?

L’aggiornamento dei dati relativi a tutte le particelle di terreno che saranno interessate dal tracciato di TAP in Grecia è in corso a cura di JV TOPMAPS, una joint venture delle società di consulenza greche MAKEDONIKI ETM EE, GAIA S.A. e GEOMATICS SA, che operano in stretta collaborazione con le pertinenti agenzie pubbliche.

I proprietari e gli utilizzatori dei terreni ubicati lungo il tracciato del gasdotto in Grecia sono invitati a portarsi presso uno degli Uffici del Catasto per verificare se il proprio immobile sia interessato dal passaggio del gasdotto e se TAP disponga di dati aggiornati circa la titolarità e la destinazione d’uso dello stesso.

Da novembre 2013, sono stati istituiti ben 22 Uffici del Catasto e 100 Sportelli Informativi in 27 comuni, lungo il percorso di TAP in Grecia, nonché nelle città di Salonicco e Atene.

Se il vostro terreno è interessato da TAP o desiderate sapere se lo sarà, vi invitiamo a  recarvi presso l’Ufficio del Catasto più vicino (si rimanda al link in basso per le sedi).

Una volta lì, un addetto annoterà i vostri dati e vi richiederà di indicare il numero di particella catastale. Questo dato ci consentirà di verificare se rientriate o meno nel novero dei proprietari o utenti interessati.

In Grecia, si considerano interessati da TAP i titolari di particelle di terreno che ricadano nei 52 metri del tracciato del gasdotto.

Qualora non disponiate di informazioni sufficienti circa la vostra proprietà, potrete consultare un funzionario del Catasto.

Cercherà di reperire informazioni sul vostro appezzamento, avvalendosi dei dati in vostro possesso, quali: una breve descrizione dell’ubicazione o l’individuazione di appezzamenti contigui già registrati.

E vi comunicherà se il vostro terreno rientra nella zona designata.

Qualora rientraste tra i proprietari o gli utilizzatori di terreni interessati dal progetto, un legale dell’Ufficio del Catasto vi inviterà a verificare che disponiate della necessaria documentazione da accludere alla ​Dichiarazione Sostitutiva dell’Atto di Notorietà.