Skip to main content

Torna a tutti

Kleisoura, Grecia

23 giugno 2014

Georgia è una giornalista di Atene, che lavora per la rete televisiva Action 24. La sua famiglia e i suoi parenti vivono a Kleisoura, un villaggio vicino all’ultimo grande centro abitato della Grecia, prima del confine con l’Albania. Ha seguito l’avanzamento del progetto per anni e ne conosce a fondo vantaggi e sfide. Così, quando tra la popolazione locale cominciarono a serpeggiare i primi timori circa le possibili ripercussioni dell’opera sulla salute, sulla sicurezza e sulla sussistenza della gente del posto, fece la prima cosa che avrebbe fatto una qualunque cronista di professione: contattò TAP per rivolgere le domande che aveva raccolto in giro.

“La popolazione locale aveva udito storie dell’orrore su paventate esplosioni del gasdotto, case che sarebbero crollate per via delle vibrazioni, e su questa fantomatica TAP che avrebbe calpestato il progetto di un nuovo teatro nell’area,” racconta Georgia. “Lavorando come giornalista, sapevo che le cose non stavano così, ma la gente era molto scettica. Così chiesi a TAP di venire a illustrarci il progetto. E loro lo fecero.”

Il team parlò al telefono con un gran numero di persone e si recò in visita in città per una giornata informativa aperta a tutti, nel corso della quale rispose ai timori, fornì indicazioni sul processo di acquisizione e asservimento dei terreni e dettagli tecnici del progetto. Il Presidente della regione e i sindaci dei comuni parteciparono ai colloqui, mettendo sul tavolo una serie di questioni, non ultime l’apertura di un ufficio locale del catasto e una modifica del tracciato discussa e risolta in via amichevole. La squadra di tecnici visitò Kleisoura per discutere i piani di progetto con il sindaco e la cittadinanza e, alla fine, la nuova configurazione del tracciato fu approvata.

“In tutta onestà, non ci aspettavamo tanta professionalità, garbo e pragmatismo da un progetto di queste proporzioni,” continua Georgia. “Le nostre preoccupazioni sono state trattate con la massima serietà. C’è stata un’interazione personale e un dialogo alla pari.” Un comportamento figlio dei valori stessi di TAP e che ne ispira le modalità operative.