Skip to main content

Indietro alla lista complete delle news

«LIBERA IL MARE»: TAP e CONISMA a tutela delle spiagge salentine

01 dicembre 2017

SCARICA il report Libera il Mare in italiano

SCARICA la brochure Libera il Mare 

SCARICA il report Marine Litter in inglese

GUARDA il Video "Libera il Mare - Pulizia delle spiagge e cultura ambientale"

Si è concluso lo studio sui rifiuti marini Marine Litter – LIBERA IL MARE, ideato da CoNISMa (Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Scienze del mare) e sostenuto da TAP sulla base dell’accordo sottoscritto nell’aprile 2016, con l’obiettivo di tutelare le spiagge salentine e sensibilizzare al rispetto dell’ambiente.

 

Lo studio, coordinato dall’allora direttore dell’unità di ricerca leccese di CoNISMa, Ferdinando Boero, ha analizzato i rifiuti spiaggiati o dispersi in mare in un tratto di 20 km di costa nel tratto compreso tra San Cataldo e Torre dell’Orso. Le spiagge interessate, appartenenti ai comuni di Vernole e Melendugno, sono quattro: Le Cesine Nord, Le Cesine Sud, San Basilio, e Torre dell’Orso. Su ognuna di esse sono stati definiti tre “transetti” lunghi 100 metri sui quali in due periodi differenti (febbraio-marzo e maggio-giugno 2017) sono stati raccolti e classificati tutti i rifiuti. In totale sono state raccolte 16951 “unità di spazzatura” (per un totale di 2170 kg) nella prima fase e 7262 (615 kg) nella seconda, permettendo di stimare in 40 tonnellate i rifiuti presenti sulle quattro spiagge a febbraio marzo e in 10 tonnellate quelle presenti a maggio giugno. Come era facile attendersi la plastica (compresi i frammenti) è la principale tipologia di rifiuto presente sulle spiagge monitorate, seguita da manufatti o resti di manufatti in legno e poi metalli, vetro, ecc. La gran parte del materiale non è di origine locale ma è trasportato dalle correnti marine e dai venti; e le principali fonti di rifiuti marini sono il traffico navale e le attività di pesca e acquacoltura, anche se in aree frequentate dall’uomo è riconoscibile anche il “contributo” di rifiuti delle attività connesse alla balneazione e alla ristorazione. Oltre alle spiagge, una parte dello studio (effettuato grazie ad immersioni subacquee) è stata dedicata ai fondali e in particolare alle cosiddette reti fantasma, perse o abbandonate in mare dai pescatori che, impigliate sul fondo, continuano a “pescare” animali marini che restano intrappolati in esse. Sulle spiagge, oltre ai rifiuti, è evidente la copiosa presenza di legno naturale, che potrebbe essere un’importante risorsa nella lotta all’erosione costiera. L’utilizzo combinato delle piante con il legno è infatti una soluzione innovativa per il rafforzamento delle dune.

In parallelo alle attività di raccolta sul campo e studio in laboratorio, i ricercatori di CoNISMa si sono anche impegnati in una campagna di sensibilizzazione dei giovanissimi al tema dei rifiuti marini con iniziative in scuole primarie e la realizzazione e diffusione di un depliant esplicativo.

I dati che emergono dallo studio sono propedeutici alla realizzazione di una campagna mirata di rimozione e gestione dei rifiuti, un programma operativo (con un ulteriore monitoraggio, riguardante anche le microplastiche) che TAP è pronta a sostenere nel corso del 2018.