Skip to main content

Indietro alla lista complete delle news

TAP impugnerà l’ordinanza di sospensione delle indagini geotecniche. Dall'avvio del Procedimento di Autorizzazione Unica un segnale che dà fiducia per il futuro del progetto del gasdotto transadriatico.

09 ottobre 2014

TAP prende atto dell’ordinanza dell’Ufficio tecnico del Comune di Melendugno notificata in data odierna ai tecnici impegnati nei sondaggi nell’area del Terminale di ricezione del gasdotto e, naturalmente adempirà all’ordine di sospensione dei lavori in essa contenuto.

Ciò non di meno TAP, certa della legittimità e correttezza del proprio operato e in particolare della possibilità di eseguire le indagini geotecniche in corso sulla base degli atti e delle autorizzazioni già ottenute, provvederà in tempi brevissimi ad impugnare il provvedimento nelle sedi giurisdizionali competenti.

La sospensione dei sondaggi non può per altro oscurare il segnale che arriva oggi con la pubblicazione su due quotidiani (uno nazionale e uno regionale), sul sito web della Regione Puglia e all’Albo Pretorio del Comune di Melendugno dell’avviso di avvio del procedimento di Autorizzazione Unica. E’ insomma cominciata l’ultima tappa del percorso autorizzativo, la conferenza di servizi presso il Ministero dello Sviluppo economico che dovrà nei prossimi mesi licenziare il progetto dell’opera e rilasciare l’Autorizzazione Unica con la quale TAP conta di aprire i cantieri nei primi mesi del 2016: un obiettivo che grazie alla qualità del progetto e al convinto supporto del governo italiano e dell’Unione europea, TAP è sicura di poter centrare.