Compensazioni ai pescatori di San Foca, firmati gli accordi. Skip to main content

Indietro alla lista complete delle news

Compensazioni ai pescatori di San Foca, firmati gli accordi.

11 luglio 2014

Firmati ieri sera gli accordi tra TAP e le due cooperative di pescatori di San Foca, Il Delfino e la Folgore, sulle compensazioni per le limitazioni alla pesca dovute ai sondaggi in mare effettuati negli scorsi mesi in vista della realizzazione del gasdotto transadriatico. Alle due cooperative che associano 177 pescatori andranno in totale  circa 70mila euro  che verranno poi ripartiti tra i soci secondo criteri propri delle due aziende.

La misura della compensazione è stata definita attraverso un confronto tecnico che ha coinvolto anche il Gruppo di Azione Costiera ed esperti indipendenti.  Tra il dicembre del 2013 e lo scorso aprile, a più riprese la Capitaneria di Porto di Otranto aveva emesso ordinanze a protezione della navigazione con le quali, fra l’altro, veniva limitata la pesca nelle aree dove si sarebbero effettuati i sondaggi ambientali, geofisici e geotecnici in mare.

“Con questo accordo TAP mantiene la parola data e lancia un messaggio chiaro: quando la realizzazione di questa grande infrastruttura interferisce, sia pure solo temporaneamente con le attività economiche del territorio, siano esse la pesca,  l’agricoltura o il turismo,  TAP è  concretamente al fianco degli operatori”, ha detto ieri a San Foca Giampaolo Russo, amministratore delegato di TAP Italia che ha firmato l’accordo con i presidenti del Delfino Giovanni De Matteis  e della Folgore Cosimo Montinaro. “TAP – ha concluso Russo – è pronta a dare, nella stessa ottica di collaborazione che ha portato all’accordo sulle compensazioni,  un fattivo supporto allo sviluppo del comparto pesca di San Foca”.