Le preoccupazioni del Governo sugli stoccaggi di gas confermano l'importanza strategica del progetto TAP Skip to main content

Indietro alla lista complete delle news

Le preoccupazioni del Governo sugli stoccaggi di gas confermano l'importanza strategica del progetto TAP

11 aprile 2014

Mentre cresce l’incertezza su ciò che potrà accadere in Ucraina nei prossimi mesi se non nei prossimi anni, il Ministero dello Sviluppo economico, per il tramite del Comitato di monitoraggio emergenza gas, ha segnalato che un'interruzione dei flussi russi potrebbe creare problemi per la campagna di riempimento degli stoccaggi per il prossimo inverno 2014-15 e di conseguenza potrebbe essere necessaria un'accelerazione delle forniture via gasdotto da Algeria e Nord Europa.

Roma – Mentre cresce l’incertezza su ciò che potrà accadere in Ucraina nei prossimi mesi se non nei prossimi anni, il Ministero dello Sviluppo economico, per il tramite del Comitato di monitoraggio emergenza gas, ha segnalato che un'interruzione dei flussi russi potrebbe creare problemi per la campagna di riempimento degli stoccaggi per il prossimo inverno 2014-15 e di conseguenza potrebbe essere necessaria un'accelerazione delle forniture via gasdotto da Algeria e Nord Europa. «Si tratta di scenari – commenta Giampaolo Russo, amministratore delegato di Tap per l’Italia – che non fanno che confermare l’importanza strategica del progetto Tap nella prospettiva della diversificazione delle fonti di approvvigionamento energetico del Paese». Il gasdotto Tap (Trans Adriatic Pipeline) trasporterà in Italia attraverso Grecia, Albania e Mare Adriatico fino a 20 miliardi di metri cubi all’anno di gas proveniente dall’Azerbaigian.