Precisazioni circa le compensazioni per danneggiamento reti Skip to main content

Indietro alla lista complete delle news

Precisazioni circa le compensazioni per danneggiamento reti

21 giugno 2013

In merito alla compensazione per danneggiamento reti corrisposta ad uno dei pescatori della Cooperativa Il Delfino, TAP tiene a precisare che la richiesta di compensazione è pervenuta all’azienda il 29 marzo 2013, direttamente dal pescatore interessato e non per tramite della Cooperativa di cui fa parte.

In merito alla compensazione per danneggiamento reti corrisposta ad uno dei pescatori della Cooperativa Il Delfino, TAP tiene a precisare che la richiesta di compensazione è pervenuta all’azienda il 29 marzo 2013, direttamente dal pescatore interessato e non per tramite della Cooperativa di cui fa parte.

TAP ha valutato la documentazione presentata a supporto della richiesta del pescatore e a valle di un approfondito esame che ha richiesto il coinvolgimento dei suoi tecnici, ha deciso di accordare la compensazione, il cui pagamento è avvenuto il 10/06/2013.

TAP ritiene necessario sottolineare, altresì, il carattere costruttivo e cordiale del rapporto intrattenuto con il pescatore che, con l’accordo raggiunto e la tempestiva e soddisfacente conclusione della procedura di compensazione, testimonia la qualità e concretezza dell'impegno di TAP a instaurare rapporti di corretta e trasparente collaborazione con tutti i portatori di interesse anche nello specifico ambito del riconoscimento degli eventuali danni involontariamente arrecati.

TAP precisa inoltre che per migliorare la procedura di compensazione, volontariamente stabilita da TAP,  è in fase di studio un meccanismo che fornisca maggiori garanzie sia alle persone potenzialmente danneggiate che all'azienda,  per compensare in maniera congrua gli eventuali danni accidentalmente e involontariamente arrecati nella realizzazione del progetto, nonostante l’adozione ed implementazione dei più elevati standard nazionali ed internazionali per evitare che essi si verifichino.

Da ultimo, si ricorda che le prospezioni a mare dello scorso gennaio sono state effettuate con una nave e non è stata utilizzata alcuna piattaforma