Il Ministero dell’Ambiente accorda a TAP la proroga per la presentazione della Valutazione di Impatto Ambientale e Sociale (ESIA) Skip to main content

Indietro alla lista complete delle news

Il Ministero dell’Ambiente accorda a TAP la proroga per la presentazione della Valutazione di Impatto Ambientale e Sociale (ESIA)

17 dicembre 2012

Il Ministero dell’Ambiente ha accordato a TAP la sospensione della procedura relativa alla procedura di Valutazione di Impatto Ambientale e Sociale (ESIA) per ulteriori nove mesi - fino al settembre 2013.

Come parte dell’impegno aziendale a comunicare in modo aperto e trasparente l’iter relativo alla procedura di Impatto Ambientale e Sociale (ESIA), TAP ha avviato fin dall’anno scorso una continua consultazione sul territorio con le parti interessate al progetto: autorità, organizzazioni non governative, comuni e cittadini che vivono dentro e intorno alla zona di Lecce e San Foca. La consultazione ha suscitato un notevole interesse e TAP continua a ricevere commenti ed opinioni da molte delle parti interessate. L’estensione della data di presentazione dello Studio di Impatto Ambientale e Sociale (ESIA) permetterà a TAP di continuare questo importante dialogo.

Giampaolo Russo, Country Manager di TAP Italia ha detto: “É vitale che TAP prenda il tempo necessario per dare adeguata considerazione a tutti i commenti ricevuti dalle parti interessate. Posporre la presentazione dell’ESIA darà tempo a TAP per continuare il dialogo sul territorio pugliese con tutte le autorità e le persone interessate al progetto, in modo da tenere ulteriormente in considerazione le opinioni ricevute. Nel frattempo, vorrei ringraziare il Ministero dell'Ambiente e le autorità pugliesi per il supporto e la comprensione dimostrati, ci auguriamo di continuare questo dialogo costruttivo anche nel futuro. "

TAP ha presentato il proprio Studio di Impatto Ambientale e Sociale (ESIA) al Ministero dell’Ambiente nel marzo 2012. Successivamente, TAP ha volontariamente richiesto la sospensione della procedura relativa all’ESIA per poter raccogliere le informazioni aggiuntive richieste calendarizzando i lavori necessari al di fuori dei mesi estivi, al fine di rispettare la stagione turistica dell’area di San Foca. TAP presenterà queste informazioni integrative entro il settembre 2013.

A proposito di TAP

Il gasdotto Trans Adriatico (TAP) trasporterà gas naturale dalla regione del Mar Caspio attraverso Grecia, Albania e il mar Adriatico fino all’Italia meridionale e da lì all’Europa occidentale. Il progetto e‘ finalizzato ad aumentare la sicurezza degli approvvigionamenti e la diversificazione delle forniture di gas nei mercati europei. TAP aprirà il cosiddetto Corridoio Sud all’Europa e creando un nuovo sbocco per il gas naturale del Mar Caspio. Il progetto prevede la possibilità di espandere la portata da 10 a 20 mld di metri cubi all’anno. Inoltre, TAP permette di creare impianti per lo stoccaggio del gas in Albania al fine di garantire una maggiore sicurezza di approvvigionamento per il mercato europeo in caso di eventuali interruzioni operative.

Il gasdotto TAP si estendera’ per circa 800 km (circa: 478 km in Grecia; 204 in Albania; 105 nel Mare Adriatico; 5 km in Italia). Il trasporto di gas iniziera’ vicino al confine Greco-Turco (Komotini), attraverso l’Albania ed il Mare Adriatico, fino alla rete di distribuzione gas italiana vicino San Foca (Lecce).

Gli azionisti del progetto TAP sono la svizzera Axpo (42.5%), la norvegese Statoil (42.5%) e la tedesca E.ON Ruhrgas (15%).

www.conoscitap.it

Per ulteriori informazioni
Ufficio stampa Italia:
Massimo Moriconi
Fleishman-Hillard Italia
(T) +39 02 31 804 713 | (M) +39 345 7357 808
(E) massimo.moriconi@fleishmaneurope.com